2 agosto 2022: 42^ anniversario della strage di Bologna

 

Il 2 agosto 1980, alle ore 10,25, una bomba esplose nella sala d'aspetto di seconda classe della stazione di Bologna.

Lo scoppio fu violentissimo, provocò il crollo delle strutture sovrastanti le sale d'aspetto di prima e seconda classe dove si trovavano gli uffici dell'azienda di ristorazione Cigar e di circa 30 metri di pensilina.

L'esplosione investì anche il treno Ancona-Chiasso in sosta al primo binario.

Il soffio arroventato prodotto da una miscela di tritolo e T4 tranciò i destini di persone provenienti da 50 città diverse italiane e straniere.

La città si trasformò in una gigantesca macchina di soccorso e assistenza per le vittime, i sopravvissuti e i loro parenti. I vigili del fuoco dirottarono sulla stazione un autobus, il numero 37, che si trasformò in un carro funebre.

È lì che vennero deposti e coperti da lenzuola bianche i primi corpi estratti dalle macerie.

Alle 17,30, il ๐—ฃ๐—ฟ๐—ฒ๐˜€๐—ถ๐—ฑ๐—ฒ๐—ป๐˜๐—ฒ ๐—ฑ๐—ฒ๐—น๐—น๐—ฎ ๐—ฅ๐—ฒ๐—ฝ๐˜‚๐—ฏ๐—ฏ๐—น๐—ถ๐—ฐ๐—ฎ ๐—ฆ๐—ฎ๐—ป๐—ฑ๐—ฟ๐—ผ ๐—ฃ๐—ฒ๐—ฟ๐˜๐—ถ๐—ป๐—ถ arrivò in elicottero all'aeroporto di Borgo Panigale e si precipitò all'ospedale Maggiore dove era stata allestita una delle tre camere mortuarie. Per poche ore era circolata l'ipotesi che la strage fosse stata provocata dall'esplosione di una caldaia ma, quando il presidente arrivò a Bologna, era già stato trovato il cratere provocato da una bomba. Incontrando i giornalisti Pertini non nascose lo sgomento: "Signori, non ho parole" disse "siamo di fronte all'impresa più criminale che sia avvenuta in Italia".

Ancora prima dei funerali, fissati per il 6 agosto, si svolsero manifestazioni in Piazza Maggiore a testimonianza delle immediate reazioni della città.

 

๐—” ๐——๐—˜๐—ฆ๐—ง๐—œ๐—ก๐—ข

42 anni dopo la Strage di Bologna, 85 volontari e volontarie si sono resi disponibili a portare a termine quei viaggi che le vittime non hanno potuto completare.

Hanno con loro una valigia bianca, testimone di una memoria che continua, che consegneranno, una volta arrivati, a un passante, raccontando del progetto e della persona che hanno simbolicamente portato a destinazione.

๐—” ๐—ฝ๐—ฎ๐—ฟ๐˜๐—ถ๐—ฟ๐—ฒ ๐—ฑ๐—ฎ๐—น๐—น๐—ฒ ๐Ÿญ๐Ÿฌ.๐Ÿฎ๐Ÿฑ ๐—ฑ๐—ฒ๐—น ๐Ÿฎ ๐—ฎ๐—ด๐—ผ๐˜€๐˜๐—ผ ๐Ÿฎ๐Ÿฌ๐Ÿฎ๐Ÿฎ, ๐—ฒ ๐—ป๐—ฒ๐—น ๐—ฐ๐—ผ๐—ฟ๐˜€๐—ผ ๐—ฑ๐—ฒ๐—น๐—น๐—ฒ ๐—ผ๐—ฟ๐—ฒ ๐˜€๐˜‚๐—ฐ๐—ฐ๐—ฒ๐˜€๐˜€๐—ถ๐˜ƒ๐—ฒ, ๐—ฐ๐—ผ๐—บ๐—ฝ๐—ฎ๐—ฟ๐—ถ๐—ฟ๐—ฎ๐—ป๐—ป๐—ผ ๐˜€๐˜‚๐—น๐—น๐—ฎ ๐—ฝ๐—ฎ๐—ด๐—ถ๐—ป๐—ฎ https://dueag.studiosbs.com/ gli orari di arrivo a destino degli 85 viaggiatori e viaggiatrici, insieme a un’immagine del luogo raggiunto, a un audio-racconto e ad altri materiali creati dai partecipanti nel corso del laboratorio svoltosi tra giugno e luglio 2022 a cura della Compagnia Teatro dell’Argine.

Sarà Federica Zanetti, docente del Dipartimento di Scienze Umane dell’Università di San Marino, ad ๐—ฎ๐—ฐ๐—ฐ๐—ผ๐—บ๐—ฝ๐—ฎ๐—ด๐—ป๐—ฎ๐—ฟ๐—ฒ ๐—ฃ๐—ถ๐—ฒ๐˜๐—ฟ๐—ผ ๐—š๐—ฎ๐—น๐—ฎ๐˜€๐˜€๐—ถ ๐—ป๐—ฒ๐—น ๐˜€๐˜‚๐—ผ ๐˜ƒ๐—ถ๐—ฎ๐—ด๐—ด๐—ถ๐—ผ ๐—ฑ๐—ถ ๐—ฟ๐—ถ๐˜๐—ผ๐—ฟ๐—ป๐—ผ ๐—ฎ ๐—ฐ๐—ฎ๐˜€๐—ฎ, ๐—ฎ ๐—•๐—ผ๐—ฟ๐—ด๐—ผ ๐— ๐—ฎ๐—ด๐—ด๐—ถ๐—ผ๐—ฟ๐—ฒ, ๐—ฑ๐—ผ๐˜ƒ’๐—ฒ๐—ฟ๐—ฎ ๐—ป๐—ฎ๐˜๐—ผ. Ad accoglierla alle ore 14:30 una delegazione composta dal Segretario di Stato per l’Istruzione e Cultura e dal Capitano di Castello di Borgo Maggiore.

 

Fonte: http://mappedimemoria.it/fonti/

 

 

NELL'IMMAGINE:

Dopo la bomba alla stazione, che provocò 85 morti, il settimanale L’Espresso preparò un numero speciale e mise in copertina la riproduzione di un quadro di Renato Guttuso, realizzato apposta per l'occasione. Guttuso dette all'opera lo stesso titolo dell'incisione di Francisco Goya Il sonno della ragione genera mostri ed aggiunse la data della strage, 2 agosto 1980, unico riferimento al fatto specifico, vicino alla firma dell'autore. La tavola originale è esposta nel Museo Guttuso. Raffigura un mostro con sembianze da uccello e corpo di uomo, denti aguzzi, occhi sbarrati e di fuoco, che tiene un pugnale nella mano destra e una bomba a mano nella sinistra, e colpisce alcuni corpi morti o morenti, sopra i quali sta a cavalcioni.
Fonte: https://espresso.repubblica.it/foto/2016/08/01/galleria/strage-di-bologna-la-storica-copertina-dell-espresso-1.279236/

Contatti Parva Domus - Piazza della Libertร  47890 - San Marino
segreteria.interni@gov.sm
Tel. +378 (0549) 882425
Fax +378 (0549) 885080
Orari di apertura Lunedรฌ - Giovedรฌ: 8.15 - 18.00
Venerdรฌ: 8.15 - 14.15
Social